Bevi!

L’acqua è portatrice di vita, è il principale costituente del corpo umano e rappresenta circa il 60% del peso corporeo nei maschi adulti, dal 50 al 55% nelle femmine e fino al 75% in un neonato.

L’acqua è coinvolta in funzioni come la regolazione del volume cellulare e della temperatura corporea, favorisce i processi digestivi, svolge un ruolo importante di diluizione delle sostanze ingerite per via orale, rende possibile il trasporto di nutrienti e promuove la rimozione di scorie metaboliche.

Durante la giornata è importante mantenere costante la quantità di acqua dell’organismo, cioè pareggiare le entrate e le uscite.

Per capire quanto bere, bisogna infatti,  ragionare in termini di bilancio fra l’acqua che si perde e quella che si assume.

Ogni giorno un adulto perde circa 600-1000 ml di acqua.

Il meccanismo della sete, regolato dall’ipotalamo, insieme al riassorbimento dell’acqua nei reni mantiene l’equilibrio idrico. La sete regola la quantità di acqua da ingerire ma spesso interviene solo quando la perdita di acqua è già stata tale da provocare i primi effetti negativi.

È difficile stimare un consumo ideale di acqua giornaliera perché, dal punto di vista quantitativo, l’acqua è l’elemento predominante della frutta e degli ortaggi in genere, ma anche delle carni, delle uova, del latte, dei formaggi. Durante il giorno noi mangiamo e sommiamo l’acqua di questi alimenti, ma per mantenere l’equilibrio idrico è necessario per forza bere una certa quantità d’acqua che si aggira da un minimo di uno a due litri e mezzo.

La quantità varia secondo la costituzione, il peso del soggetto, il sesso, l’età, la stagione e quindi la temperatura esterna incidono inoltre  l’attività fisica e quella lavorativa  svolta nell’arco della giornata.

E’ necessario assumere acqua, naturale e non gasata, per riuscire ad eliminare tutte le scorie che si producono nel processo nutrizionale e che fisiologicamente  vengono eliminate per via renale (urine), intestinale (feci), epidermica (sudore), e polmonare (respirazione)..

Il momento migliore per bere è quello del risveglio, a digiuno.

Non è invece indicata l’assunzione di molti liquidi durante i pasti per non diluire i succhi gastrici ed inibire la digestione.

 

5 semplici consigli  da seguire durante la giornata:

1 Inizia la giornata  bevendo acqua.

2 Bevi durante il giorno anticipando la sete.

3 Tieni l’acqua a portata di mano : portati dietro la nostra  borraccia.

4 Tieni d’occhio quanta acqua bevi: riempi la nostra borraccia almeno 3 o 4 volte al giorno.

5 Bevi poco mentre mangi per non diluire i succhi gastrici e inibire la digestione.

 

Delia Ravetti, Biologa Nutrizionista, Naturopata, Iridologa